Camuzzi

Uffici e Laboratori

L’architettura milanese è spesso riconducibile al tema urbano del blocco chiuso, la cui definizione è essenzialmente fondata sul concetto di omogeneità delle facciate e dei corpi di fabbrica talvolta contraddetti dall’introduzione di elementi eccezionali volti alla reciproca valorizzazione.

L’edificio per uffici Camuzzi aderisce a questi principi affrontando vari temi: il tema dell’ingresso, il tema dell’angolo così come quello del passaggio tra spazi pubblici e privati.

È stato perciò introdotto nel volume un elemento quasi a forma di torre, contenente il sistema d’ingressi e lobbies ai vari piani dell’edificio, che funge da fulcro e fuoco prospettico sia rispetto l’esterno sia l’interno del comparto dove si estende in lunghezza il corpo lineare dell’edificio e su cui affacciano gli spazi di lavoro. Questi si misurano con il giardino privato interno attraverso il grande loggiato a doppia altezza proponendosi in un gioco di trasparenze e materialità. L’intero edificio è compatto e preciso nella costruzione ma anche particolarmente emozionante nella sua essenza di architettura di luce; nel contempo i marcapiani lineari della facciata verso i lotti limitrofi retrostanti segnano con semplicità il cortile industriale ingentilendolo.

, Milano, Italia

Terziario & Retail
2001 - 2007

Cliente
Camuzzi Gazometri S.p.A.

In collaborazione con

Ing. Urbano Pierini e arch. Simona Pierini

Fotografie: Pietro Savorelli


Disegni tecnici